OSSIGENOTERAPIA DEL VISO: da oggi anche a casa tua

Quando parliamo di ossigenoterapia, benefici come l‘aumento del collagene e dell’elastina sono garantiti fin dal primo trattamento con conseguente miglioramento della luminosità della pelle. Ideale quindi per chi vuole combattere l’invecchiamento cutaneo.

Il trattamento si effettua sfruttando un flusso di ossigeno allo stato gassoso che viene direzionato sulla pelle del viso.
L’ossigenoterapia, viene utilizzata principalmente per ridurre piccoli inestetismi del tempo, come macchie cutanee e rughe d’espressione.
Tuttavia, questa tecnica si è mostrata utile anche per contrastare disturbi cutanei come l’acne e la rosacea.
L’ossigeno somministrato in questo modo, è in grado di ripristinare e migliorare la microcircolazione e di riattivare il metabolismo cutaneo che potrebbero essere compromessi dai normali processi d’invecchiamento, dall’inquinamento, dall’esposizione alla luce solare (o ai raggi UV artificiali) e dallo stress.
L’ossigenoterapia così praticata, sembrerebbe anche in grado di favorire l’attività dei fibroblasti (le cellule del derma), stimolandoli a produrre nuovo collagene e nuove fibre elastiche.
Il flusso di ossigeno direzionato sulla pelle del viso, inoltre, può essere sfruttato per veicolare in profondità delle sostanze attive in grado di potenziare l’azione esercitata dal gas. Ad esempio, quando l’ossigenoterapia viene eseguita per contrastare i segni del tempo, non è insolito che insieme al flusso gassoso vengano direzionate sulla pelle anche sostanze attive, come acido ialuronico, antiossidanti, vitamine, amminoacidi ed oligoelementi.

Tuttavia, prima di procedere al vero e proprio trattamento di ossigenoterapia, è necessario eseguire uno scrub ed un’adeguata detersione della cute (corretta skin care; leggi il nostro articolo), allo scopo di allontanare cellule morte ed impurità. Per far sì che l’ossigeno penetri a fondo nella pelle, infatti, è necessario che quest’ultima sia pulita e che i pori siano dilatati.
All’interno dell’aerografo utilizzato per direzionare il getto di ossigeno vengono inserite anche sostanze attive, come acido ialuronico o altri cosmetici specifici per il disturbo che si vuole trattare.
Benché i primi risultati siano visibili fin dalla prima seduta, è comunque necessario effettuare un ciclo di più sedute per ottenere il massimo dei risultati.

In linea generale, i risultati ottenuti con l’ossigenoterapia al viso soddisfano i pazienti.
Fin dalla prima seduta, infatti, la pelle appare più luminosa. In seguito, la cute acquisterà nuova tonicità, maggior elasticità e la texture risulterà nettamente migliorata. Proseguendo con il trattamento si noteranno poi miglioramenti più consistenti: le rughe d’espressione diminuiranno, i pori saranno meno dilatati, le macchie cutanee attenuate.
Dal momento che l’invecchiamento cutaneo è un processo naturale impossibile da arrestare, al fine di prolungare i risultati ottenuti con i cicli di ossigenoterapia, è necessario sottoporsi a sedute di mantenimento ad intervalli di tempo più o meno lunghi.
Infine, ricordiamo che nella dura lotta ai segni del tempo, un ruolo fondamentale è anche svolto dall’alimentazione e dallo stile di vita.
Difatti, una dieta non equilibrata e uno stile di vita sregolato ricco di vizi (come il fumo, l’abuso di alcool, ecc.) favoriscono e accelerano i processi d’invecchiamento, rendendo nulli, o quasi, i risultati ottenuti con l’ossigenoterapia.
Se è vero che i miracoli non esistono è vero anche che l’effetto dell’ossigenoterapia sul viso è evidente a occhio nudo. Nello specifico l’ossigenoterapia garantisce risultati duraturi nel tempo ma soprattutto sbalordisce nella rapidità di efficacia. Basta un trattamento per dare alla pelle del viso un effetto antiage e rimpolpante immediato. Inoltre, l’ossigeno combatte i radicali liberi, innescando così la produzione di collagene e donando luminosità.
Generalmente la terapia dura dalle 4 alle 5 sedute ma dipenderà anche dal tipo di trattamento e dal risultato che si vuole ottenere. C’è chi ad esempio la fa ogni mese/mese e mezzo inserendola nella routine della pulizia viso.

Questa tipologia di trattamento viene effettuata presso centri estetici, medici, spa ma è possibile acquistare un’apparecchio anche per l’ossigeno terapia domiciliare.
Siamo rimasti sorpresi infatti, di trovare sul web, una macchina portatile per l’ossigeno terapia home-care.

www.koreabeautycosmetics.com

 

 

 

Siamo andati a vedere pareri su questo tipo di macchina ed abbiamo che scoperto che è costruita da una società che fa apparecchi elettromedicali e rivenduta in italia tramite il portale il cui link è sopracitato.
Cliccando sull’immagine verrete rimandati al sito del rivenditore e potrete acquistarla direttamente.

 

 

Vediamo come si potrebbe svolgere l’ossigeno terapia del volto a casa tua con questo apparecchio:

DETERSIONE. Ci teniamo a ribadire che mantenere ed effettuare una corretta skincare di routine è essenziale per mantenere il proprio volto sempre giovane e luminoso. Utilizzare un detergente sgrassante come il micro foam dermaclear.

Schiuma detergente ipoallergenica contenente acqua minerale idrogenata per rimuovere delicatamente le impurità con le sue dense microbollicine.

 

Potreste, per aiutarvi, utilizzare una derma brush elettrico o manuale ( vedi dove acquistare dermabrush) per effettuare la fase successiva.

 

 

  • SCRUB. Rimuove le cellule morte dallo strato superficiale della pelle per poter procedere successivamente all’ossigeno terapia e poter far permeare meglio i nutrienti contenuti nell’aerografo. Se non possedete un dermabrush procedete con un prodotto scrub per il viso.

 

 

  • TONICO. La funzione del tonico come riportato nel nostro articolo per la skincare di routine (vedi articolo) uniforma il pH cutaneo e partecipa all’apertura dei pori.

  • OSSIGENO TERAPIA. Inserire nell’areografo una soluzione di acido ialuronico puro ed altre tipo di soluzioni (argirelina ad esempio per ottenere un effetto liftante e distensivo) e procedere a distribuire il prodotto su tutto il viso con movimenti lenti e circolari.
    Potremmo creare, ad esempio, una soluzione al 50% di acido ialuronico e 50% di vitamina C Histolab da inserire nell’aereografo. Questo porterò ad un effetto idratante, schiarente ed antiossidante.

 

5. Maschera restitutiva. Per concludere il trattamento, potremmo applicare una maschera idratante a base di acido ialuronico. Mantenetela per almeno 20′. Se non sai come applicare una maschera leggi il nostro articolo. In questo caso abbiamo scelto la maschera Belathena a base di acido ialuronico. Tra le maschere testate e preferite da Biiang.

 

 

 

Le applicazioni con questo apparecchio sono molteplici. Possiamo utilizzarlo per distribuire il makeup sul volto oppure per rendere i capelli morbidi e luminosi. Sono trattamenti con cui bisogna acquisire molta manualità.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *