Pelle sensibile, Dermatite , Eczema. Scopri qual’è la causa

Oggi andiamo a scoprire le possibili cause dei vari tipi di affezioni della pelle che si celano sotto il nome comune di DERMATITI.

Che cosa è la dermatite

Sotto il termine dermatite si celano diverse malattie della cute, in gran parte caratterizzate da fenomeni infiammatori.
 
Esistono infatti diversi tipi di dermatite, come la dermatite seborroica e quella atopica (nota anche come eczema o dermatite eczematosa).
 
Le dermatiti sono accumunate da alcuni sintomi caratteristici, come pruriti, arrossamenti e piccoli gonfiori della pelle, talvolta a carattere vescicolare fino a vere e proprie lesioni.
 
La dermatite non ha carattere contagioso e pertanto non è trasmissibile.
 
Studi riscontrati su PUBMED hanno dimostrato che vi è una componente genetica. I tessuti infiammati presentavano alterazioni con geni disregolati con una massiccia presenza di sostanze proinfiammatorie come l’interluchina.
fonte: www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30641038
 

A tal proposito un’antinfiammatorio specifico è un prodotto omeopatico in grado di stimolare il sistema delle intelruchine andando a ridurre l’infiammazione cronica.

I vari tipi di dermatite

 

  • Dermatite da contatto

La dermatite è causata dal contatto diretto della cute con sostanze irritanti o allergeniche.
Tra gli irritanti più comuni ricordiamo il sapone ed i detergenti in genere (compresi detersivi e simili), mentre nella categoria degli allergeni rientrano metalli come il cromo ed il nichel, alcuni profumi, cosmetici, latice, erbe infestanti come l’edera, farmaci ad uso topico.
 
  • Psoriasi

Patologia multifattoriale che deriva dall’interazione tra numerosi fattori predisponenti, ma che non conosce una precisa causa di origine; nella maggior parte dei casi, la componente genetica e lo stress giocano un ruolo molto importante.
 
  • Dermatite seborroica

Questa forma di dermatite è comune nelle persone con pelle e capelli grassi ed è dovuta all’iperattività delle ghiandole sebacee e ad un’alterazione nella composizione del loro secreto; le caratteristiche del sebo lo rendono un terreno fertile per la crescita del fungo Malassezia furfur, la cui massiccia presenza irrita la cute. Nei neonati questa malattia è nota come crosta lattea.
 
  • Dermatite atopica

La dermatite atopica rappresenta una sindrome allergica ereditaria, comune negli individui allergici o nel cui nucleo famigliare si registrano parenti con problemi analoghi (in particolar modo asma allergica e febbre da fieno ). Solitamente compare durante l’infanzia e tende ad attenuarsi nell’età adulta, a meno che non persista il contatto con l’elemento allergizzante (ad esempio per l’esposizione professionale). L’esatta causa di origine non è nota ma probabilmente è dovuta alla combinazione di alterazioni cutanee (eccessiva permeabilità, pelle secca) e disordini del sistema immunitario; lo stress può aggravare la dermatite atopica, ma non può essere considerato la causa primaria.

Seguite attentamente questo ragionamento cruciale e capirete cosa hanno in comune le patologie cutanee come la dermatite e la pelle sensibile.

L’alterazione del film idrolipidico e della barriera cutanea è la prima causa da risolvere per una terapia di successo contro ogni tipo di dermatite.

In questo video, purtroppo in lingua francese, potrete comunque dedurre come la dermatite sia un infiammazione del tessuto leso.  La vasodilatazione indotta dall’infiammazione (la pelle si presenta arrossata) evoca prurito. Quando ci si gratta si sta apparentemente meglio MA, strofinare la pelle con le unghie, vale a dire LEDERE IL TESSUTO aumentando la possibilità di INFEZIONE BATTERICA ed incrementando l’infiammazione.
Il tessuto si presenta quindi danneggiato e gli agenti esterni “dannosi” penetrano facilmente all’interno del derma dove incontrano le nostre cellule del sistema immunitario che, per un meccanismo di autodifesa, le fagocitano ( inglobano il patogeno dentro di loro, come se lo mangiassero), AUMENTANDO i processi pro-infiammatori.
Nelle persone normali, privi di dermatite, questi fenomeni si dissolvono rapidamente mentre in chi ha problemi cutanei, persistono a lungo, cronicizzando ed aggravando la situazione.

L'importanza della barriera cutanea o film idrolipidico

Si tratta di una vera e propria barriera che la nostra pelle produce autonomamente e che ricopre la sua intera superficie in uno strato sottilissimo ed impercettibile. E’ costituita per il 95% da sostanza grassa, sebo; e per il restante 5% da acqua sotto forma di sudore oltre che dal famosissimo NMF: fattore naturale di idratazione. Oltre che idratare la pelle questa sottilissima pellicola ha una funzione protettiva nei confronti della pelle schermandola dagli agenti esterni, dai micro- organismi e regolando il passaggio delle sostanze che la nostra pelle assorbe e secerne secondo un criterio di affinità. Solo sostanze simili alla composizione della nostra pelle possono essere assorbite dalla stessa.

Al variare della composizione della barriera cutanea, in eccesso o in difetto, la pelle assumerà un aspetto diverso e parleremo di:

  • pelle secca (alterata produzione in difetto del fattore NMF e della componente lipidica)
  • pelle grassa e seborroica (elevata produzione lipidica dovuta ad un eccesso della componente grassa derivante dalla ghiandole sebacee)

Di conseguenza, quando il film lipidico è alterato, nascono le patologie della pelle come le dermatiti.

Nella composizione del film idrolipidico rientrano anche i grassi prodotti dalla flora batterica che alberga sulla pelle ed anche quelli presenti nella composizione di prodotti cosmetici e detergenti.
Dato che il sebo inizia ad essere prodotto soltanto durante la pubertà , la frazione liposolubile del film idrolipidico dei bambini è rappresentata soltanto dai grassi epidermici. Questi lipidi sono costituiti, anche nell’adulto, da acidi grassi, tra cui è importante l’acido linoleico (capostipite degli acidi grassi omega sei ed essenziale per l’organismo, il quale, non riuscendo a produrlo, lo deve ricavare dagli alimenti). Questo lipide è essenziale per la barriera epidermica poiché, in caso di carenza di acido linoleico  la cute, o meglio lo strato corneo, diventa squamoso e particolarmente secco.
 
Le funzioni del film idrolipidico sono molte e diverse:
  1. mantiene idratato lo strato corneo, sia grazie alla presenza dell’NMF, che ha proprietà umettanti, sia grazie alla componente lipidica, che regola l’evaporazione dell’acqua dalla superficie cutanea.
  2. proprietà antimicrobiche. Nella frazione liposolubile esistono infatti degli acidi grassi dotati di azione tossica nei confronti dei microrganismi patogeni; anche lo stesso sebo, costituito da una frazione lipidica particolare, si oppone alla colonizzazione batterica della cute.
  3. dotato di un pH acido che rappresenta un ulteriore mezzo di difesa contro la colonizzazione di microrganismi patogeni.
  4. conferisce alla nostra pelle un odore particolare. I lipidi che lo costituiscono sono infatti numerosi ed il modo in cui questi si distribuiscono dona al corpo “un’impronta chimica” caratteristica.

In tutte le pelli sensibili, dermatiti atopiche o eczematose o psoriatiche c’è SEMPRE un’alterazione negativa del film idrolipidico

come alleviare e risolvere i sintomi da pelle sensibile e dermatite

  1. ripristinare la barriera cutanea al più presto con creme adatte. Se parliamo di dermatite con pelle secca, sono consigliati prodotti a base di ceramide. Questi prodotti sono molto adatti per pelli sensibili.
scopri di più

L’estratto di propoli di Amazon Bees e una miscela di 5 diversi tipi di oli idratanti nutrienti combinati con ceramidi per mantenere la giovinezza della pelle attraverso la promozione di una pelle sana e luminosa con un’intensa idratazione profonda

scopri di più

La vitamina B contenuta nella crema Dr. Vita ripristina le funzionalità della barriera cutanea, idrata profondamente e lenisce il volto sensibile.
Sollievo dallo stress cutaneo Riequilibra l’umidità dell’olio per aiutare a stabilizzare la pelle e protegge la pelle dagli stimoli esterni.

scopri di più

Moist Science Excellent Moisture Cream è la soluzione definitiva per i problemi della pelle secca. Questo prodotto cosmetico Histolab aiuterà i pazienti con pelle secca o sensibile con il suo effetto lenitivo potente e veloce e le potenti proprietà idratanti.

2. Lavorare sulla componente infiammatoria e batterica. Nei casi ove richiesto, il vostro medico curante può alternare ad una crema barriera, un cortisonico ( elocon , beta21 , flubason , clobesol etc…) ed un antibiotico a base di acido fusidico ( fucidin ). Questo servirà per sfiammare la parte. Nei casi gravi si raccomanda sempre il consiglio del medico. Mai far di testa propria!

Abbiamo visto studi che dimostrano come, nel tessuto del paziente affetta da patologie cutanee, siano presenti alte concentrazioni di sostanze pro-infiammatorie. Il prodotto sottostante potrebbe aiutarci a ridurre l’infiammazione.

GUNA® Interleukin 10 (ll 10) 4CH Gocce 30 ml. è un medicinale omeopatico, formulato a base di citochine omeopatizzate a bassi dosaggi fisiologici, con azione di regolazione della reattività dell’organismo: attività immunosoppressiva e inibitrice del Network delle citochine. Trova indicazione in caso di:
regolazione dei processi di immunotolleranza.
modulazione dell’infiammazione
patologie infiammatorie croniche
prurito con bruciore
mucose arrossate
sindromi dolorose croniche
vomito-inappetenza
scopri di più

3.Integrazione con antiossidanti. Può aiutare anche 1 grammo di vitamina C die per un tempo stabilito con il proprio medico.
Integrazione con Omega 3-6-9. Non ci dimentichiamo che la barriera cutanea è fatta da componenti derivanti dagli omega che altro non sono che acidi grassi (parte lipidica della membrana cutanea)

scopri di più

Integratore alimentare a base di olio di pesce, olio di semi di lino e olio di borragine, naturalmente ricchi di acidi grassi insaturi Omega-3, Omega-6 e Omega-9 che favoriscono il metabolismo del colesterolo. Omega-3* e Omega-6 contribuiscono alla normale funzionalità cardiaca. L’olio di lino e l’olio di borragine favoriscono l’integrità e la funzionalità delle membrane cellulari. L’olio di borragine favorisce il trofismo e la funzionalità della pelle, favorisce la funzionalità articolare e contrasta i disturbi del ciclo mestruale

scopri di più

Jamieson Vitamina C 1000 è un integratore alimentare di vitamina C, arricchito con C premix, un complesso costituito da Bioflavonoidi di limone, Rosa canina, Acerola, Esperidina e Rutina. L’alta efficacia del complesso PREMIX di Vit C in combinazione con la Vitamina C aiuta ad aumentarne l´assorbimento e la biodisponibilità. Utile come supporto alla normale funzione del sistema immunitario

4. In caso di forte prurito il vostro medico potrà prescrivere temporaneamente l’assunzione per via orale di antistaminaci/cortisonici a seconda di quanto sia estesa la problematica.
Esistono anche delle formulazioni cosmetiche che lenisco ed attenuano il prurito. EVITARE DI GRATTARSI E’ DI FONDAMENTALE IMPORTANZA POICHE’ SI EVITA DI LESIONARE ULTERIORMENTE LA BARRIERA CUTANEA.

scopri di più

L’ampolla Mugener contiene estratto di bava di lumaca che aiuta ad alleviare il rossore, calma la pelle impura e calma efficacemente la pelle sensibile.
Formula arricchita di estratti vegetali per pelli problematiche, pelli sensibili e rovinate da agenti esterni.
I glicosaminoglicani e l’allatoina guariscono la pelle travagliata e aumentano il tasso di rigenerazione della pelle per ripristinare la condizione originale della pelle.

scopri di più

Vitamina E Nano emulsione altamente concentrata, combinata con Omega 6 e Omega 9, aiuta a mantenere l’elasticità e la nutrizione. Occhi giovani pieni di umidità Vitamina E e olio di argan forniscono idratazione ed elasticità e rendono la pelle sana senza irritazioni.
La Vitamina E è considerata uno degli antiossidanti più efficaci e preziosi per mantenere la pelle del viso giovane e sana. Serve principalmente ad inibire i radicali liberi e, di conseguenza, bloccare il processo ossidativo delle cellule

scopri di più

Applicabile a tutti i tipi di pelle, Acnex Science Omega Care Care Solution contiene potenti agenti botanici che possono quasi immediatamente lenire la pelle irritata, ridurre gli effetti di un’infiammazione e migliorare le proprietà di auto-ringiovanimento della pelle.

Il prodotto è particolarmente raccomandato per il trattamento del tessuto cicatriziale, a parte l’effetto anti-infiammatorio.

5. Regolare la produzione di sebo. L’eccessiva produzione di sebo può comportare una variazione della barriera cutanea ma soprattutto del pH cutaneo. Occorre regolarne la secrezione con preparati capaci di farlo.

scopri di più

La fiala Derma Science Azulene Complex è una soluzione lenitiva di Histolab, che si basa su ingredienti efficaci come il complesso Azulene, Dimethyl Sulfone e BHA, per il trattamento di pelli extra sensibili attraverso il controllo dei livelli di secrezione di sebo ed il trattamento di vari tipi di irritazione cutanea. Il prodotto può essere utilizzato con successo per rimuovere l’arrossamento della pelle e trattare il gonfiore..

scopri di più

La vitamina A è indispensabile per il mantenimento e lo sviluppo delle strutture epiteliali. Il retinolo mantiene la cute integra e ripara le cellule danneggiate. I cosmetici a base di vitamina A sono, infatti, molto utili in caso di pelle screpolata, arrossata e irritata. Svolgono inoltre un’azione seboregolatrice, ossia danno equilibrio alla produzione di sebo della pelle.

6. Corretta alimentazione. L’alimento è la medicina che ingeriamo tutti i giorni. E’ importante aver fatto le adeguate indagini sulle possibili allergie alimentari. Spesso, le patologie della pelle sono provocate da alimenti a cui si è particolarmente sensibili e che scatenano reazioni immunitarie spropositate. In linea di massima, gli alimenti con basso indice glicemico e soprattutto privi di lattosio e glutine possono apportare benefici alle pelli reattive.

7. Rintracciare agenti chimici o di altra natura tramite i prick test.
Il prick test è un’indagine diagnostica allergologica semplice, sicura e poco costosa; per questo motivo, in genere, rappresenta l’esame di prima istanza di fronte al sospetto di un’allergia. prick testIl prick test viene effettuato anche in ambito pediatrico a partire dall’anno di età, mentre nei bambini più piccoli è poco utile per la scarsa reattività.
Per l’identificazione delle allergie cutanee, come quella al nichel, si utilizza invece il cosiddetto patch test.

 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *