BOTOX fa bene o fa male? E’ pericoloso? SFATIAMO QUESTO TABU’ !

Vi diamo il benvenuto nella nuova sezione di Biiang dedicata alla medicina estetica.
Parleremo di nuovi approcci per il miglioramento delle problematiche legate all’invecchiamento cutaneo.
Oggi inizieremo con il parlare di quali prodotti utilizzare per togliere le rughe del viso.

Vi parleremo del botox, della pericolosità del botox, delle differenze tra i vari tipi di tossina botulinica.

Preannunciamo che tutti i trattamenti DEVONO ESSERE ESEGUITI DA MEDICI SPECIALIZZATI NELL’ESECUZIONE DI FILLER, TOSSINA BOTULINICA, BIOSTIMOLAZIONE E TUTTE LE PRATICHE ANNESSE ALLA MEDICINA ESTETICA.
E’ sempre più diffusa la voglia del fai da te in questo campo. NON FATE CAVOLATE! POTREBBE ESSERE MOLTO PERICOLOSO!

Diverse sono le “armi” che il medico estetico può utilizzare per combattere la perdita di tono e la formazione delle rughe lievi, medie e profonde:

Il termine botox si riferisce al prodotto commerciale a base di 100 unità di tossina di botulinica di TIPO A.
Tale prodotto non è vendibile o accquistabile nelle farmacie poichè di natura ospedaliera. Ebbene sì. Per quanto noi possiamo pensare, la tossina botulinica viene molto utilizzata in campo medico, soprattutto a livello neurologico.
Esso infatti, può essere molto utile in caso di patologie legate alla colonna vertebrale. Utilizzata anche nelle emicranie derivanti da una compromissione della componente neurologica.
Altro utilizzo è nell’ iperidrosi, una patologia invalidante che comporta un aumento della secrezione delle ghiandole sudoripare a livello di ascelle e piedi in primis.
L’uso della tossina botulinica per la medicina estetica DOVREBBE essere limitata, come da foglietto illustrativo, ai muscoli corrugatori* e comunque alla parte superiore del volto (terzo superiore).

Come funziona il botox? che effetti produce? E’ veramente pericoloso?

agisce bloccando gli impulsi nervosi diretti a tutti i muscoli in cui è stato
iniettato. Ciò consente di prevenire la contrazione muscolare, determinando una paralisi
temporanea e reversibile.
è utilizzato per il temporaneo miglioramento nell’aspetto di:
• rughe verticali tra le sopracciglia osservate al massimo corrugamento e/o,
• rughe a ventaglio all’angolo degli occhi osservate al massimo sorriso e/o,
• rughe frontali osservate alla massima elevazione delle sopracciglia,
quando la gravità delle rughe del viso ha un importante impatto psicologico in pazienti adulti.

Tuttavia nel mondo della medicina estetica, la tossina botulinica viene utilizzata in trattamenti full-face (tutto il viso) come: rughe periorali (marionetta), rughe periorbitali (zampe di gallina), rughe frontali, rughe del codice a barra (zona labiale). Da poco è stato introdotto e molto utilizzato il concetto di meso-botox,
dove il la tossina botulinica viene “diluita” ed iniettata insieme ad un complesso di natura biostimolante.
Il meso-botox è OFF-LABEL (non esistono studi di efficacia comprovata e pertanto “fuori legge”).

Le tossine botuliniche, ad uso estetico, utilizzate dai medici in ITALIA sono:

Vistabex 50 U.I. Prodotta dall’azienda ALLERGAN dotata di 50 unità internazionali.
Rimane tra le tossine più utilizzate e più amate dai medici italiani. La sua conservazione è RIGOROSAMENTE in frigo ad una temperatura compresa tra i +2/+8 °C. 2 su 4 tossine vanno mantenute “al fresco”. Vi spiegheremo il motivo in seguito.
La tossina, nel suo involucro che la contiene, appare trasparente, come se il flacone fosse vuoto. E’ normale riferisce l’azienda produttrice. Questo avviene perchè la tossina è liofilizzata (procedimento che priva le soluzioni farmaceutiche del contenuto di acqua. Il principio attivo
rimane in polvere microscopica). La ricostituzione del vistabex avviene per mezzo di soluzione fisiologica 0.9% 1,25cc. Tale diluizione è riferita all’utilizzo nella distensione dei muscoli facciali mimici (corrugatore).
Per l’iniezione è bene utilizzare degli aghi adatti che abbiano una punta tagliente e “decisa”. Consigliamo aghi BD o mesorelle 30g x 12mm. La lunghezza dell’ago risulta essere fondamentale per arrivare nel sito centrale del muscolo.
Può andare bene anche ago di dimensioni inferiori come 31g/32g x 6 mm. Dipende comunque dallo spessore cutaneo del paziente. Un uomo avrà una cute più spessa di una donna.
Ricordiamo che il diametro degli aghi sono inversamente proporzionali al gauge. Più il gauge è piccolo e più grande sarà il diametro interno dell’ago.
(Esempio: ago 18 gauge ha diametro molto grande. colore rosa.
Ago di 25 gauge ha un diametro più piccolo rispetto al 18. Il suo colore è arancio.)

Azzalure 125 Speywood. Prodotta dall’azienda GALDERMA dotata sempre di 50 unità ma misurate sottoforma di unità speywood. Un flaconcino contiene 125 unità speywood di tossina derivante da C. botulinum di tipo A. Nella pratica medica, l’azzalure ha 50 unità e va ricostituito con la metà di soluzione fisiologica 0,9% rispetto al vistabex.
La sua diluizione sarà pari a 0,63 ml con soluzione fisiologica. Come per il vistabex, anche l’azzalure va mantenuto in frigo ad una temperatura compresa tra i +2/+8 °C.

Bocouture 50 e 100 U.I. Prodotta dall’azienda Merz, il bocouture è la tossina più particolare.Diluizione come il Vistabex con soluzione fisiologica 0.9% ( 1,25cc).
A differenza delle due precedentemente trattate, questa non va mantenuta in frigo. 
Il motivo è da ricercare nella sua particolare struttura chimica che, grazie ad un brevetto ideato da MERZ, gli permette di non degradarsi a temperatura ambiente e di resistere fino a 25°C ed anche oltre.
La tossina botulinica al microscopio, si trova avvolta da altre proteine accessorie che prevengono la sua denaturazione. Nel Bocouture tali proteine non sono presenti. Ecco perchè non va mantenuto in frigo. Le proteine “protettrici” della tossina botulinica presenti in Vistabex ed Azzalure, rendono i prodotti termolabili e quindi obbligatoriamente conservabili in frigo.
Per anni è stato affermato che le proteine complessanti presenti nei preparati di tossina botulinica fossero utili a proteggere e stabilizzare la neurotossina attiva.
Questo concetto è stato ormai superato perchè le proteine complessanti si dissociano dalla tossina attiva entro un minuto dall’iniezione, per cui, avendo una brevissima durata, non hanno alcuna funzione, nè protettiva, nè di rendere la tossina più stabile.
E’ stato scientificamente provato che le proteine complessanti essendo impurità batteriche, non sono necessarie per la riuscita del trattamento, e per di più, possono causare reazioni immunitarie, stimolando la formazione di anticorpi che neutralizzano l’effetto della tossina botulinica, provocando il fallimento del trattamento.
Bocotoure, a differenza delle altre tossine, è purificata da tali proteine.
L’assenza di proteine complessanti permette a Bocouture di essere altamente stabile anche senza l’obbligo della refrigerazione. Le fiale sigillate possono essere conservate a temperatura ambiente (fino a 25°C) per 3 anni.
Dopo la ricostituzione possono essere conservate fino a 24 ore a 2-8°C.
Questo è un grande vantaggio per medico e paziente: il medico non ha problemi di conservazione in frigo e, quando si sposta, può portare comodamente con sè Bocouture. Il paziente è tranquillo che la tossina botulinica sarà efficace e stabile perchè non avrà corso il rischio dell’interruzione della catena del freddo.

L’utilizzo del botox nella medicina estetica si è rivelato, si rivela e si rivelerà di vitale importanza poichè è un TRATTAMENTO INSOSTITUIBILE.
Non si può sperare di ottenere lo stesso effetto utilizzando delle creme a base di peptidi.
Sicuramente la cura della pelle rimane sempre di vitale importanza.

La tossina botulinica NON E’ ASSOLUTAMENTE PERICOLOSA SE MANEGGIATA DA MEDICI ESPERTI E BRAVI NEL LORO MESTIERE.

Il consiglio è quello di affidarsi ad un bravo medico, lasciandosi consigliare il trattamento migliore per il nostro volto.
E’ il medico che decide CHI E COSA FARE, QUALE PRODOTTO SCEGLIERE E LA TIPOLOGIA DI TRATTAMENTO PIU’ ADATTA AL CASO VOSTRO.

Ricordiamo che la tossina botulinica è vendibile solamente al medico e che E’ FATTO DIVIETO L’UTILIZZO A PERSONALE NON ADDETTO.

ECCO LA SIRINGA PIU' UTILIZZATA PER INIETTARE IL BOTOX

SIRINGA SPAZIO 0 / salva botox / senza spazio morto

Questa siringa ha la peculiarità di non disperdere la sostanza al suo interno. Generalmente,  una buona parte del contenuto si perde nel tragitto, nella distanza che c’ tra stantuffo ed ultima parte dell’ago.

consigliamo vivamente l’utilizzo di queste siringhe per ridurre al minimo lo spreco di tossina botulinica. L’unica pecca che hanno è la scarsa visibilità delle tacche di graduazione e la non performante impugnatura.

Sul mercato non sono in molti a vendere questo tipo di siringhe.

Siringhe Injekt F spazio 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *